Home » Proviamo la settimana corta?

Proviamo la settimana corta?

da | 23 Giugno 2022

Proviamo la settimana corta?

In Inghilterra è iniziato un esperimento: dalla scorsa settimana migliaia di dipendenti di 70 aziende hanno cominciato a lavorare solo quattro giorni alla settimana, come parte di un progetto pilota volto a ridurre le ore dei lavoratori a parità di stipendio. L’esperimento durerà sei mesi ed è stato organizzato dai gruppi no profit 4 Day Week Global e 4 Day Week Uk Campaign, un’organizzazione che studia l’impatto del lavoro sul benessere personale. I ricercatori delle università di Cambridge, Oxford e Boston College valuteranno gli effetti della settimana corta sulla produttività e sulla qualità della vita. Analizzeranno il modo in cui i dipendenti risponderanno all’idea di avere un giorno libero in più in termini di stress, lavoro, soddisfazione complessiva, salute, sonno, consumo di energia e viaggi. I risultati, raccolti sulla base di interviste e sondaggi al personale, verranno annunciati nel 2023 (Nyt).

Lavorare meglio

In Gran Bretagna l’esperimento è iniziato quando i dipendenti sono tornati al lavoro dopo una vacanza di quattro giorni in onore dei 70 anni di regno della Regina Elisabetta. A prendere parte all’esperimento sono ora più di 3.300 lavoratori impiegati in banche, marketing, assistenza sanitaria, servizi finanziari, vendita al dettaglio. “Dopo la pandemia, le persone vogliono un equilibrio tra lavoro e vita privata” – ha affermato in un’intervista il direttore della campagna Joe Ryle – “vogliono lavorare di meno” (CBS News). Il progetto avviato in Inghilterra, comunque, non è un caso isolato. Altri sforzi simili si stanno compiendo in altri Paesi, tra cui Islanda, Irlanda, Nuova Zelanda, Scozia e Stati Uniti, dove le aziende stanno adottando maggiore flessibilità nell’orario di lavoro. 

Ordine sparso

Negli Stati Uniti alcune imprese hanno consentito ai dipendenti di ridurre la propria settimana lavorativa eliminando il venerdì, lavorando su turni ibridi, riducendo gli stipendi e stabilendo i propri orari. In Nuova Zelanda la società Unilever ha avviato nel 2020 una prova della settimana lavorativa più breve. In Islanda si sta facendo una prova con una riduzione dell’orario di lavoro settimanale da 35 ore, coinvolgendo circa 2.500 dipendenti pubblici. Le aziende in Irlanda e Australia inizieranno le prove il 1° agosto e altre due prove inizieranno negli Stati Uniti e in Canada ad ottobre. Alcuni esperimenti sono già un successo, come quello fatto da Microsoft in Giappone, dove l’azienda ha fatto sapere di aver registrato un aumento della produttività pari al 40% (Npr).

0 commenti

Articoli recenti

Articoli recenti

L’auto del futuro

L’auto del futuro

L’auto del futuro  La scorsa settimana l’Unione europea ha deciso il futuro del mercato automobilistico. La fumata bianca è arrivata, dopo lunghi negoziati, quando i Ministri dell’Ambiente degli...

leggi tutto
Come vestirsi per un colloquio di lavoro?

Come vestirsi per un colloquio di lavoro?

Come vestirsi per un colloquio di lavoro? Se ti stai chiedendo come bisogna vestirsi per un colloquio di lavoro, sappi che una risposta universale non esiste. Molto dipende dal tipo di professione,...

leggi tutto
Smartworking: luci e ombre

Smartworking: luci e ombre

Smartworking: luci e ombre Dopo la pandemia il lavoro a distanza è stato costantemente raccontato come il modo migliore per sentirsi bene mentalmente e fisicamente. Ma la realtà, scrive Bbc, è più...

leggi tutto