Home » Il coaching come modello di leadership

Il coaching come modello di leadership

by | 2 December 2022

Leadership & Coaching: un match vincente 

Il leadership coaching è il processo mediante cui un coach affianca il manager (o il futuro manager) per aiutarlo a raggiungere un obiettivo o a diventare un leader migliore.

L’obiettivo del leadership coaching è creare una cultura delle prestazioni, identificando i punti di forza e di debolezza del leader. Avendone consapevolezza, e affrontandoli, il manager può migliorare le sue abilità raggiungendo con più facilità gli obiettivi a lungo termine fissati dall’azienda.

 

Perché il coaching nel management è importante

Il modello di leadership è molto cambiato negli ultimi decenni. Di conseguenza, anche la formazione dei leader e dei futuri leader è cambiata, virando verso un approccio individuale e personalizzato: solamente concentrandosi sui punti forti e sui punti deboli del manager, il coaching può offrire un aiuto concreto.

Il coaching nella leadership ha precise caratteristiche:

  • collaborazione;
  • potenziamento;
  • apprendimento e sviluppo;
  • ascolto attivo;
  • empatia e consapevolezza.

Il coaching come modello di leadership parte da un assunto: le Hard Skills, in un mercato del lavoro in continuo mutamento, rischiano di diventare obsolete in pochi anni (un tempo, le stesse competenze tecniche caratterizzavano l’intera vita lavorativa delle persone). La leadership deve dunque concentrarsi sulle Soft Skills del leader, sull’intelligenza emotiva, sulla capacità di gestire i conflitti e di motivare il proprio team.

 

Leadership coaching, i pro e i contro

Un percorso di leadership coaching è vantaggioso perché:

  • incoraggia la collaborazione tra leader e membri del team;
  • stabilisce aspettative chiare;
  • identifica i punti deboli e li trasforma in punti di forza;
  • si concentra sull’essere di supporto e non giudicante;
  • crea opportunità di crescita;
  • stimola il pensiero creativo.

Di contro, richiede molto tempo, energia e pazienza. E potrebbe non essere la scelta migliore per le aziende strettamente orientate ai risultati.

 

Perché un manager, dopo un percorso di leadership coaching, è diverso?

Il manager formato attraverso un percorso di leadership coaching può diventare lui stesso coach, e porsi dunque come guida per i membri del suo team.

Uno stile di gestione tradizionale di solito implica una prospettiva di “comando e controllo”. In altre parole, il leader è sicuro di sapere meglio le cose e di possedere tutte le risposte. Quando la mentalità è orientata al coaching, invece, il leader e i membri del team lavorano insieme.

Altre differenze tra i due modelli gestionali riguardano:

  • la gestione dei compiti: nel management tradizionale è il manager a dettare i compiti e ad assegnare scadenze e responsabilità, senza dare molta importanza ai feedback dei dipendenti o alle loro preoccupazioni; nel management orientato al coaching, il leader motiva il team a prendersi le sue responsabilità ed è aperto ai feedback;
  • orientamento temporale: la leadership orientata al coaching ha come focus gli obiettivi a lungo termine dell’azienda, mentre la gestione tradizionale è orientata al “qui ed ora”;
  • presupposti: il principio del management tradizionale è la necessità di dover controllare i dipendenti affinché svolgano il loro lavoro (con la convinzione che non lo amino); i leader orientati al coaching partono invece dal presupposto che i lavoratori amino ciò che stanno facendo, e che sia compito del leader aiutarli a sviluppare tutto il loro potenziale.

 

Phyd mette a disposizione dei suoi iscritti i migliori esperti. Attraverso l’Executive Coaching, i manager e i dirigenti possono apprendere nuovi strumenti per migliorare le loro performance professionali e personali, grazie ad un percorso formativo altamente personalizzato. Scegliendo invece un percorso di Business Coaching, vengono aiutati a fissare obiettivi migliori e a raggiungerli più rapidamente.

Affiancati da un coach, i leader conquisteranno una maggiore consapevolezza del loro ruolo e potranno trasmettere quanto appreso al loro team.

 

 

 

0 Comments

Articoli recenti

Articoli recenti

Cantiere Lavoro

Cantiere Lavoro

Cantiere Lavoro La neo Ministra del Lavoro, Marina Calderone, è una consulente del settore da oltre 20 anni, nonché presidente dell’Ordine dei consulenti dal 2005. Profonda conoscitrice del mercato...

read more
Bulli d’ufficio

Bulli d’ufficio

Bulli d'ufficio C’è il collega violento alle prese con gli scatti di rabbia, quello che invece attua una strategia più sottile, fatta di tacite suggestioni e comportamenti scorretti, oppure quello...

read more
Segnali positivi

Segnali positivi

Segnali positivi Nei primi otto mesi del 2022 in Italia c’è stato un boom dei contratti a tempo indeterminato, scrive il Corriere. A scattare la fotografia sulle condizioni del mercato del...

read more
Corso in grafica 3D: come sceglierlo

Corso in grafica 3D: come sceglierlo

Corso in grafica 3D: caratteristiche e perché sceglierlo Se un tempo i disegni in due dimensioni - realizzati su carta o attraverso software installati su un computer - erano alla base delle...

read more
Fuga dall’Italia

Fuga dall’Italia

Fuga dall'Italia  Se da un lato la pandemia ha frenato l’economia italiana, dall’altro non ha impedito ai giovani del nostro Paese di partire per l'estero, facendo così segnare una percentuale...

read more