Home » Come cambiare lavoro: consigli pratici

Come cambiare lavoro: consigli pratici

by | 25 October 2022

Consigli pratici per cambiare lavoro a qualsiasi età

Specialmente a seguito della pandemia, sono sempre di più le persone che scelgono di seguire le proprie ambizioni e le proprie passioni, abbandonando carriere che le hanno portate alla soglia del burnout.

Quando cambiare lavoro? Non esiste un momento preciso, e non bisogna necessariamente aver fatto da poco il proprio ingresso nel mondo professionale. Si può cambiare lavoro a qualsiasi età: basta seguire i giusti consigli.

Perché cambiare lavoro fa bene

Non solo licenziamenti, dimissioni e fallimenti aziendali: sono molti i motivi per cui, oggi, una persona sceglie di cambiare lavoro. C’è la volontà di inseguire una passione, di trovare un maggiore equilibrio tra vita professionale e vita privata. O, semplicemente, il desiderio di sentirsi appagati e orgogliosi di ciò che si fa.

Perché, se cambiare lavoro può essere vantaggioso dal punto di vista professionale, lo è altrettanto dal punto di vista personale. Da un lato si cresce, si migliora la propria carriera, si accrescono le competenze e – il più delle volte – si ottengono condizioni economiche migliori. Dall’altro ci si mette alla prova in un contesto diverso, allontanandosi magari da ambienti lavorativi oppressivi o non più stimolanti.

Cambiare lavoro, a seconda delle situazioni, aiuta dunque a ridurre lo stress, a ottenere una maggiore flessibilità o un salario più congruo, ma permette anche di cogliere opportunità di avanzamento carriera.

Cambiare il posto di lavoro a qualsiasi età: consigli pratici

Se stai pensando di cambiare lavoro, indipendentemente da quale sia la tua età, puoi procedere nel modo seguente:

  • delinea un piano d’azione: definisci un obiettivo chiaro (come un cambio di mansione o la decisione di virare verso un altro settore lavorativo) e affidati ai migliori mezzi per raggiungerlo, tra cui la compilazione corretta del CV e l’utilizzo del tuo network per trovare l’opportunità migliore;
  • analizza pro e contro del cambiamento lavorativo: puoi farlo con un diario, con una tabella o semplicemente a mente, cercando di fare ordine tra i pensieri. Cambiare il posto di lavoro non deve essere una scelta avventata, specialmente se non hai più vent’anni: analizza attentamente ciò che hai e ciò che invece guadagneresti o perderesti con il passaggio ad un’altra realtà aziendale. Valuta cosa vorresti ottenere personalmente e professionalmente, ma anche cosa al momento non ti piace e ti spinge a cambiare;
  • valuta se cambiare totalmente settore o se scegliere una realtà aziendale che ti dia l’opportunità di arricchire il tuo portfolio. Potrebbero essere di recente emerse sul mercato nuove figure professionali che poco conosci, ma che ben si adattano a ciò che ami e sai fare;
  • non dimenticare di aggiornare il tuo CV: se necessario sviluppa nuove competenze che potrebbero renderti più appetibile nel settore per cui ti candidi, iscrivendoti ai migliori corsi online. Cogli le opportunità che si presentano per esercitarti nel settore o nel campo che hai scelto: saranno utili per mostrare chi sei e cosa sai fare. Se stai pensando di avviarti verso una nuova carriera che richiede una laurea o particolari certificazioni, iscriviti all’Università o ai corsi di formazione necessari;
  • espandi il tuo network: conoscere persone del settore di tuo interesse ti può aiutare a trovare opportunità interessanti, e a farti un nome agli occhi di possibili datori di lavoro;
  • fai rebranding: come i prodotti vengono resi ancora più belli e accattivanti attraverso operazioni di rebranding, lo stesso devi fare con la tua figura professionale. CV, lettere di presentazione, profili social e networking hanno un ruolo cruciale nel mostrare la tua immagine e reputazione: curali e aggiornali regolarmente.

Esistono poi specifici passi da seguire, a seconda della tua età:

  • se vuoi cambiare lavoro a 30 anni, fai tutte le necessarie valutazioni preliminari, creati una rete di contatti, aggiorna il CV e cerca di collezionare giorni di ferie e di permessi per iniziare a cercare lavoro senza lasciare il tuo attuale impiego;
  • se vuoi cambiare lavoro a 40 anni, valuta quali sono le tue skills più spendibili, fai un’attenta valutazione dei cambiamenti in termini di benefits e di stipendio, aggiorna il curriculum e concentrati sulla lettera di presentazione;
  • se vuoi cambiare lavoro a 50 anni, frequenta corsi di aggiornamento e sfrutta la rete di conoscenze che negli anni hai creato.

Phyd mette a disposizione dei suoi iscritti i migliori esperti. I nostri tutor e i nostri coach ti aiuteranno a rivedere il curriculum, a fare ordine tra le tue skills, e ad individuare il percorso di carriera perfetto in vista di un cambiamento lavorativo.

0 Comments

Articoli recenti

Articoli recenti

Cantiere Lavoro

Cantiere Lavoro

Cantiere Lavoro La neo Ministra del Lavoro, Marina Calderone, è una consulente del settore da oltre 20 anni, nonché presidente dell’Ordine dei consulenti dal 2005. Profonda conoscitrice del mercato...

read more
Bulli d’ufficio

Bulli d’ufficio

Bulli d'ufficio C’è il collega violento alle prese con gli scatti di rabbia, quello che invece attua una strategia più sottile, fatta di tacite suggestioni e comportamenti scorretti, oppure quello...

read more
Segnali positivi

Segnali positivi

Segnali positivi Nei primi otto mesi del 2022 in Italia c’è stato un boom dei contratti a tempo indeterminato, scrive il Corriere. A scattare la fotografia sulle condizioni del mercato del...

read more
Corso in grafica 3D: come sceglierlo

Corso in grafica 3D: come sceglierlo

Corso in grafica 3D: caratteristiche e perché sceglierlo Se un tempo i disegni in due dimensioni - realizzati su carta o attraverso software installati su un computer - erano alla base delle...

read more