Home » Sistemista: chi è e cosa fa

Sistemista: chi è e cosa fa

by | 6 September 2022

Sistemista: chi è, come diventarlo e quanto guadagna

Il sistemista informatico (più spesso chiamato solo sistemista) è il professionista che si occupa di progettare, installare, configurare e aggiornare il sistema informatico di un’azienda.

Talvolta confuso col programmatore, il suo è in realtà un ruolo diverso: il programmatore è specializzato nella programmazione e nella gestione dei software, mentre il sistemista è il responsabile dell’installazione dell’hardware e del suo mantenimento.

Cosa fa il sistemista informatico

Il sistemista è chiamato a progettare il sistema di rete di un’azienda, e a mantenerlo funzionante e sicuro così da limitare le interruzioni del lavoro. Ciò include la manutenzione e la configurazione del sistema, l’installazione e la risoluzione dei problemi di hardware e software, e la valutazione delle nuove tecnologie che possono essere applicate in azienda.

Tuttavia, le responsabilità lavorative del sistemista informatico variano notevolmente a seconda del contesto in cui opera. Nelle aziende più grandi è possibile trovare sistemisti di data center, sistemisti di server, di database e delle reti di computer; nelle aziende più piccole, invece, vi è in genere un solo sistemista che riveste tutti i ruoli.

I compiti del sistemista possono includere:

  • la progettazione del sistema informatico aziendale;
  • la gestione di sistemi Windows, Linux o Mac;
  • l’aggiornamento, l’installazione e la configurazione del software applicativo e dell’hardware del computer;
  • la risoluzione dei problemi e il supporto tecnico ai lavoratori;
  • la creazione e la gestione delle autorizzazioni di sistema e degli account utente;
  • l’esecuzione di test di sicurezza;
  • la manutenzione delle reti;
  • i backup dei dati;
  • l’ideazione di meccanismi di recupero dei dati in caso di guasti o attacchi hacker.

Alcune aziende utilizzano l’amministratore di sistema (sistemista) e l’amministratore di rete in modo intercambiabile, per via delle tante responsabilità sovrapposte. Tuttavia, tecnicamente c’è una differenza: l’amministrazione di sistema si concentra sui server e i sistemi informatici, mentre gli amministratori di rete lavorano in modo più specifico con attività e apparecchiature relative alla rete, come l’impostazione di routing, gli indirizzi IP e la manutenzione delle reti LAN. Molti annunci di lavoro si rivolgono a professionisti in grado di rivestire entrambi i ruoli.

Come diventare sistemista informatico

Per diventare sistemista informatico è consigliabile conseguire il diploma di Perito Informatico, preferibilmente seguito da una laurea in Ingegneria informatica, in Informatica oppure in Ingegneria elettronica.

Tuttavia, molti professionisti, pur senza un titolo di studio specifico, apprendono il mestiere grazie ai corsi organizzati da Cisco, Linux e Microsoft.

A fare la differenza, quando si lavora come sistemista informatico, sono l’esperienza e l’aggiornamento. Il mondo IT cambia infatti velocemente, e l’amministratore di sistema deve conoscerne nel dettaglio evoluzioni e rivoluzioni. Una conoscenza, questa, a cui può giungere solo attraverso la voglia di mettersi in gioco e di imparare.

Le altre competenze e capacità che un sistemista deve possedere sono:

  • la conoscenza approfondita dei sistemi operativi;
  • la familiarità con il mondo hardware: il funzionamento dei dispositivi fisici, come server o stampanti, è una parte importante del lavoro di sistemista;
  • competenze di cloud computing (Office 365, Google Cloud Platform, AWS);
  • la conoscenza delle reti: il sistemista è spesso chiamato a configurare e mantenere le reti locali (LAN) e le reti geografiche (WAN), i firewall e i sistemi di sicurezza;
  • abilità comunicative e interpersonali, indispensabili per lavorare in team e per fornire supporto ai lavoratori.

Lo stipendio di un sistemista, in Italia, è di circa 24.000 € l’anno. Al crescere dell’esperienza è però possibile superare i 35.000 €.

Sistemista, il futuro della professione

La professione del sistemista è sempre più orientata verso la cosiddetta “System Integration”.

Il System Integrator è un sistemista che stabilisce con quali risorse di rete costruire il sistema informatico, intervenendo nella sua progettazione e nella realizzazione dell’architettura interna del network. E con l’obiettivo di un network sempre performante, si occupa della manutenzione ordinaria della rete e della risoluzione dei problemi che possono insorgere, coordinando l’intero team di lavoro.

Inoltre, il System Integrator è chiamato a progettare e a gestire reti intranet, integrandole con Internet, dunque deve possedere una conoscenza approfondita dei database più usati, del protocollo TCP/IP, dei Web service, dei sistemi di monitoraggio, dei firewall e delle procedure per configurare architetture client-server.

Vuoi diventare un sistemista informatico? Allora clicca qui e scopri il corso “Introduction to Data Science”, altrimenti se desideri saperne di più sui lavori del momento, e sulle professioni più redditizie e gettonate in ambito IT (e non solo) consulta la nostra enciclopedia PHYDpedia!

 

 

 

0 Comments

Articoli recenti

Articoli recenti