Home » Alla ricerca di nuove competenze

Alla ricerca di nuove competenze

by | 23 September 2022

Alla ricerca di nuove competenze 

Le imprese fanno sempre più fatica a trovare nuovi talenti da assumere, anche a causa degli strascichi lasciati dall’emergenza pandemica. Secondo un report del World Economic Forum, il cosiddetto “talent shortage” colpisce ormai tre aziende su quattro. Entro cinque anni, aggiunge lo studio, l’87% delle imprese dovrà fare i conti con la mancanza di competenze adeguate all’interno della propria forza lavoro. Il problema, scrive il Corriere, non accenna a diminuire. Anzi, la percentuale sulla carenza di competenze aumenta di anno in anno: rispetto al 2021 il balzo in avanti è dell’8,7% e del 120% se comparato a dieci anni fa.

Problema italiano

Il problema colpisce anche il nostro Paese, dove il dato relativo alla carenza di talenti è alto e vicino alla media globale. Una caratteristica che rischia peraltro di rallentare la crescita economica post-Covid. Stando ad uno studio di Upwork’s Future WorkForce, il 70% delle aziende prevede di assumere personale nei prossimi mesi, a patto che si riescano a trovare i profili compatibili con le esigenze delle organizzazioni. Spesso, infatti, il problema non riguarda semplicemente la carenza di candidati nelle posizioni richieste, ma, più nello specifico, la mancanza di competenze adeguate per ricoprire quel determinato incarico. Un fenomeno che oggi interessa soprattutto i settori dell’information technology, del marketing, del manifatturiero e del front office.

Quale soluzione

Del tema se ne è occupata anche la società di consulenza internazionale McKinsey, che in una recente ricerca “The skillful corporation” ha mostrato come, allo stato attuale, il 43% delle aziende afferma di avere carenza di competenze all’interno della propria forza lavoro, percentuale che aumenta all’87% se allunghiamo l’arco temporale considerato fino ai prossimi 5 anni. Ma come reagiranno le imprese dinanzi a questo fenomeno? Per il 53% delle organizzazioni l’azione più utile per colmare queste lacune sarà quella di reskillare i propri dipendenti, seguito dall’assunzione di nuove risorse (20%) e dalla ridistribuzione della forza lavoro con nuovi incarichi e posizioni (sempre al 20%).

0 Comments

Articoli recenti

Articoli recenti

Cantiere Lavoro

Cantiere Lavoro

Cantiere Lavoro La neo Ministra del Lavoro, Marina Calderone, è una consulente del settore da oltre 20 anni, nonché presidente dell’Ordine dei consulenti dal 2005. Profonda conoscitrice del mercato...

read more
Bulli d’ufficio

Bulli d’ufficio

Bulli d'ufficio C’è il collega violento alle prese con gli scatti di rabbia, quello che invece attua una strategia più sottile, fatta di tacite suggestioni e comportamenti scorretti, oppure quello...

read more
Segnali positivi

Segnali positivi

Segnali positivi Nei primi otto mesi del 2022 in Italia c’è stato un boom dei contratti a tempo indeterminato, scrive il Corriere. A scattare la fotografia sulle condizioni del mercato del...

read more
Corso in grafica 3D: come sceglierlo

Corso in grafica 3D: come sceglierlo

Corso in grafica 3D: caratteristiche e perché sceglierlo Se un tempo i disegni in due dimensioni - realizzati su carta o attraverso software installati su un computer - erano alla base delle...

read more