Home » Full Stack Developer: chi è e di cosa si occupa

Full Stack Developer: chi è e di cosa si occupa

by | 6 September 2022

Full Stack Developer: cosa fa e come diventarlo

Il Full Stack Developer è uno sviluppatore in grado di progettare, sviluppare, testare e pubblicare siti e applicazioni, curandone ogni aspetto: l’architettura dei dati, la navigazione, l’interfaccia. Svolge dunque sia il lavoro del Front End Developer che il lavoro del Back End Developer, grazie ad una formazione tecnica completa.

Full Stack Developer, cosa fa

Lo sviluppatore Full Stack crea siti Web con una solida architettura interna, fornendo all’utente un’interfaccia intuitiva e interattiva. Esperto in HTML, CSS e JavaScript, conosce le tecnologie di back-end e le strutture dei database.

In genere, il Full Stack Developer lavora ad un sito o ad un’App partendo dalla sua progettazione fino al lancio finale, utilizzando pratiche standard del settore per garantire che i problemi tecnici vengano affrontati adeguatamente ad ogni stack di sviluppo (in informatica, lo stack è un blocco contiguo di memoria contenente dati).

Dopo essersi confrontato con il cliente, comincia un’attività di brainstorming insieme al Web Designer. Crea dunque uno o più prototipi, li mostra al cliente e li testa così da poterli trasformare in prodotti codificati. Sviluppa quindi database e server funzionali, capaci di supportare i contenuti rivolti all’utente, valutando la reattività del sito o dell’App e risolvendo tempestivamente le eventuali criticità.

Diverse sono le attività che il Full Stack Developer può svolgere, quali:

  • lavorare con HTML e JavaScript, e coi preprocessori CSS, per creare piattaforme rivolte ai clienti;
  • gestire database e server;
  • codificare su più lingue e piattaforme;
  • comunicare con il team di progettazione grafica per costruire il miglior prodotto possibile;
  • prototipare versioni semplificate di siti e App da mostrare al cliente;
  • testare i prototipi.

Il Full Stack Developer ha tra le sue principali responsabilità lo sviluppo del front-end, la progettazione del back-end, la creazione di database e server e lo sviluppo dell’API. Con l’aiuto di framework e librerie HTML/CSS e JavaScript, deve essere in grado di creare interfacce utente interattive e un’architettura di back-end robusta per recuperare i dati dai server. Ciò che crea deve funzionare senza problemi con tutti i sistemi operativi (Windows, MacOS, Linux) e deve rispondere ai bisogni dell’utente finale.

Full Stack Developer, le competenze richieste

In primis, il Full Stack Developer è un programmatore, dunque deve conoscere bene i linguaggi di programmazione più utilizzati, ovvero:

  • HTML, CSS, HTML5, CSS3, Javascript, JS+ Node, Vue, React e Angular per il Front End;
  • PHP (o ASP), Python, Java, Laravel e Symfony per il Back End;
  • SQL (o MySQL) e MongoDB per i database.

Lo sviluppo front-end, o lato client, riguarda l’interfaccia che gli utenti possono visualizzare: ogni sito e ogni App devono essere piacevoli da vedere e facili da usare.

Oggi il Front End Development è più complicato rispetto al passato, perché gli utenti interagiscono con i siti tramite dispositivi diversi. Il Full Stack Developer deve lavorare affinché un sito venga visualizzato correttamente su diversi browser, sistemi operativi e tipologie di dispositivo.

Lo sviluppo del back-end si riferisce invece al lavoro che si svolge dietro le quinte di un sito o di un’applicazione, ovvero all’architettura alla base del prodotto (database, server, software proprietari intermedi).

Tra le Soft Skills richieste ad un Full Stack Developer, le principali sono:

  • creatività: lo sviluppatore deve comprendere gli obiettivi del progetto e creare un prodotto che coinvolga il pubblico di destinazione;
  • pianificazione strategica: lo sviluppatore deve saper pianificare strategicamente le fasi di progettazione, sviluppo e implementazione;
  • abilità analitiche, indispensabili per analizzare le informazioni in modo accurato e per prendere decisioni logiche, basate sui dati;
  • problem-solving: la capacità di risoluzione dei problemi aiuta a prevedere eventuali errori e a sviluppare siti e applicazioni privi di bug;
  • capacità di gestione del tempo: lo sviluppatore deve rispettare le scadenze garantendo la corretta esecuzione dei suoi compiti.

Come si diventa Full Stack Developer

Tipicamente, il Full Stack Developer è un Front End Developer o un Back End Developer che decide di ampliare le sue conoscenze. La laurea informatica non è indispensabile: è possibile lavorare come sviluppatori Full Stack anche da autodidatti, grazie ai tanti corsi disponibili (anche online). A fare la differenza sono infatti, più di tutto, l’esperienza sul campo e la formazione continua.

Lo stipendio di un Full Stack Developer, in Italia, è di circa 35.000 € l’anno: uno sviluppatore entry level guadagna in media 29.000 €, mentre uno sviluppatore di lunga esperienza può superare i 40.000 €.

I corsi Phyd Full Stack Developer

Stai cercando un corso per Full Stack Developer? Phyd mette a disposizione dei suoi iscritti i migliori corsi per diventare sviluppatore Full Stack: la vasta gamma di opzioni ti consente di scegliere il corso che più fa per te, a seconda del tuo livello di conoscenza e della tua esperienza nel settore.

Se vuoi saperne di più sui lavori emergenti in ambito web, leggi la nostra enciclopedia PHYDpedia e scopri quali sono le professioni attualmente in crescita.

 

 

 

 

 

0 Comments

Articoli recenti

Articoli recenti